POSTER

Eccezionale la filmografia americana! Non siamo mai andati sulla luna. OTTIMO

Ottimo sia nella ricostruzione dei fatti che nella recitazione. Vero che è molto celebrativo del sogno americano, ma bravi loro che l’hanno voluto e vissuto.  OTTIMO

Molto emozionante. Bellissimo. Incoraggia a credere e a lottare per i propri sogni. Trasmette forza e coraggio. Uno dei film più belli mai visti sulla forza delle donne. OTTIMO

Una storia di donne vincenti per il loro valore e intelligenza; senza lotte e polemiche, vince la capacità che s’impone perché indispensabile al successo del team. Viene anche sottolineato che sono state ascoltate. Una storia vera importante da conservarne la memoria. OTTIMO

Vicenda ben rappresentata e molto coinvolgente. La segregazione razziale vinta solo per mera convenienza purtroppo a distanza di tanti anni e ancora presente in diverse situazioni della società statunitense. OTTIMO

Una storia di persone eccezionali al di là del genere e del colore della pelle! OTTIMO

Speriamo che questa apertura del mondo dei neri si sviluppi ancora perché ancora necessaria. MOLTO BUONO

 Film equilibrato e nello stesso tempo entusiasmante. MOLTO BUONO

 Ben recitato intenso emozionante. BUONO

 Emancipazione femminile e sogno americano. DISCRETO

 La filmografia americana ci consegna una autocelebrazione con lo stile consueto. Se da questo punto di vista il film risulta decisamente leggero rispetto i temi trattati dall’altra conferma ancora una volta la capacità di rendere in fiction avvenimenti storici spesso dimenticati. Quello che ne risulta è un buon film. BUONO

Si tratta di un bel film, ben costruito, ben interpretato e ben diretto,  che interessa e coinvolge lo spettatore sino alla fine. La vicenda riguarda la storia realmente accaduta di tre amiche afroamericane che, agli inizi degli Anni Sessanta del secolo scorso, sono riuscite, grazie alle loro capacità e al loro impegno,  ad affermarsi sul posto di lavoro, superando i pregiudizi molto rilevanti che la società americana di quel periodo riservava alla condizione femminile e alle persone di colore. E’ un film tipicamente americano, con forti e nette caratterizzazioni (che possono anche risultare eccessive) sia dei personaggi, sia delle situazioni, per cui talvolta sembra di assistere alla narrazione di una favola edificante ed a lieto fine, piuttosto che ad una vicenda reale, concretamente vissuta e profondamente sofferta.

 

BLOG

Ricchissimo di idee e di citazioni,  simpaticissimo e profondo. Eccezionale. OTTIMO

Tecnica di animazione splendida. Per quanto fantastica, la storia ci propone un futuro che non è escluso possa realizzarsi se non si pone termine all’accumulo di rifiuti di ogni genere, conseguenza di una crescita della popolazione che alla Terra ad un certo punto non potrà sostenere. OTTIMO

Mi è piaciuto tanto perché Wall-E era tanto simpatico e bravissimo perché ha salvato la piantina e la Terra.  OTTIMO

Ci fa riflettere; stiamo distruggendo tutto. Cosa lasceremo ai nostri figli, che esempio stiamo dando? MOLTO BUONO

Come tutti i film di animazione molto ricco di fantasia ma in diversi momenti poetico e stimolante. A parte alcuni passaggi un po’ caotici nella parte centrale del film veramente un gioiellino da vedere. MOLTO BUONO

Stiamo attenti a dove andiamo a finire! Un film delizioso ma chiaro! MOLTO BUONO

Molto positivo il commento alla Laudato si. Cura nelle relazioni tra uomini e Natura. BUONO

Inquietante vedere un mondo futuro pieno di nebbia e di rifiuti e gli uomini obesi condannati a vivere su un’astronave gestita da robot…Molto originale la storia affettiva dei due robot che dà speranza. BUONO

Film inquietante ed ironico allo stesso tempo. La morale direi che è quella che l’amore e l’istinto di sopravvivenza vinceranno quando l’uomo avrà annullato tutto ciò nei secoli ha costruito, lasciando dietro di se solo…”scovaze” . BUONO

Meglio la prima parte con squisite trovate molto interessanti (anche rispetto al vintage tecnologico) . OTTIMO

Cosa faccio io per tutto ciò che è scarto? Questo film mi ha fatto pensare. BUONO

PER BLOG DOMANI

Interessantissimo! Non possiamo perdere tempo. OTTIMO

Molto belle le riprese. Non so se è così semplice cambiare il mondo. BUONO

Film a tesi molto ideologizzato. Alcune cose sono interessanti, ma ci sono troppi argomenti trattati in maniera eccessivamente semplicistica, molte sciocchezze e affermazioni del tutto false. Gratuite e senza prove. SCARSO

Un quadro molto completo delle problematiche della nostra esistenza e i possibili rimedi per una armoniosa sopravvivenza affinché “Gaia” non si trasformi nella tomba del genere umano. MOLTO BUONO

 Film ricco di stimoli all’approffondimento. Non certo risolutore. Rimane, per essere un documentario, un prodotto fruibile che può avviare un sereno confronto su tematiche di interesse globale.  MOLTO BUONO

Una grande speranza… che può concretizzarsi! OTTIMO

Speriamo di farcela. OTTIMO

locandina WEB

Molto bello il commento del presentatore ma il film aveva delle contraddizioni: non mi è piaciuto il fatto che si empatizzi l’amicizia e poi ci sia il tradimento (nei confronti della moglie lasciata in Canada). DISCRETO

Semplice e profondo. Una trama leggera per evidenziare quanto siano importanti e possano essere complicate le relazioni sociali, soprattutto nel momento in cui ci si trova davanti alla morte. BUONO

Ci ha insegnato cosa è la vera amicizia. BUONO

Bellissimi i modi diversi di accompagnare. Quello dell’amico, quello del “padrone del teatro”, quello della cugina e degli altri personaggi; modi diversi ma tutti reali dettati dalla propria personalità e dal proprio rapporto con la morte. MOLTO BUONO

Film delicato, niente fuori posto, riflessivo sul tema della morte senza pietismi o moralismi. Infine un’educazione alla libertà di scegliere come morire. MOLTO BUONO

Ottima recitazione. L’ossessione della morte imminente appesantisce la storia; la scena esplicita di sesso si contrappone con un atto potenzialmente generatore di vita ma nel contesto alquanto sgradevole ed inopportuna. MOLTO BUONO

Attori di qualità che risultano con sguardi, battute e dialoghi del quotidiano, credibili ironici e probabilmente fin troppo debolmente umani. Ed in questo contesto che  rientra forse la relazione occasionale che sfocia in una scena, per certi versi spiazzante, verso la fine del film,  tra Tomàs e la cugina di Juliàn chiudendosi in un lungo pianto di desolazione trattenuto fino ad allora per l’amico. Altre motivazioni, che non saprei dare, renderebbero la vicenda probabilmente gratuita ed inutile. MOLTO BUONO

Commovente e coinvolgente, con utili indicazioni per come vivere e come morire. OTTIMO

Grande storia di amicizia in tutte le situazioni. OTTIMO

Tanti gli spunti di riflessione su un film molto bello. OTTIMO 

La morte? Argomento tabù. Grande umanità fra amici in un film ben fatto. OTTIMO

Commovente. OTTIMO

BLOG

Molto umano, fatto molto bene. MOLTO BUONO

Drammatico. Quando si è responsabili dei vite altrui alle volte sembra di non aver fatto abbastanza, ma possiamo fare solo ciò che è umanamente possibile fare. MOLTO BUONO

Si valorizza un eroe umile e questo è molto importante, la nostra società non deve dimenticare, ma imparare, ricordare tramandare azioni e uomini come questi; non fantasy ma realmente esistiti tra di noi. E il film valorizza l’evento. OTTIMO

Eccezionale la ricostruzione con una suspense ben dosata in crescendo fino alla fine. Ottimi flash back direi scanditi perfettamente al momento opportuno. OTTIMO

Buon film, un po’ troppo celebrativo del grande spirito di squadra americano. BUONO

Premetto che il film mi è piaciuto e che ritengo Eastwood molto bravo come regista. Il film, però, nonostante tratti di un fatto realmente accaduto (e del quale tutti hanno memoria), lo rielabora in maniera da sostenere la tesi del regista che vuole celebrare l’eroismo di cui sono capaci anche gli uomini normali in situazioni eccezionali. Per fare questo, Eastwood separa nettamente il bene dal male, il giusto dall’ingiusto. Egli deve trovare un’antitesi  all’altezza dell’eroe Sullimberg e degli eroici soccorritori, nonché della enorme gratitudine  e ammirazione dei salvati e dell’intera popolazione.  Eastwood trova questa antitesi nella commissione di inchiesta che, quindi, viene dipinta a tinte forti come stupida e ottusa; non a caso, egli si è guardato bene dall’interpellare i relativi componenti, diversamente di quanto ha fatto con tutti coloro che in qualche modo sono stati coinvolti nella vicenda. Pertanto, il film scende necessariamente nella retorica, in senso letterale; Sully, inoltre, è un uomo solo apparentemente normale, ma è del tutto eccezionale per quanto concerne freddezza e lucidità, oltreché capacità tecnica e professionale, nel valutare le situazioni in condizioni di fortissimo stress.

WEB

Film confezionato con maestria dall’abbinata Spielberg/Coen che da risalto ad un personaggio storico esempio di diplomazia. Il film tralascia invece un giudizio storico sui governi americani e servizi segreti dell’epoca (e di oggi) dandone un’immagine edulcorata. MOLTO BUONO

Splendido film. La narrazione è veloce senza sbavature sentimentali. OTTIMO

Il protagonista è una grande figura morale, un eroe che mette in primo piano il rispetto dell’uomo e rischia tutto per questo. Essendo una storia vera è un grande esempio. Grande film edificante! OTTIMO

La guerra la fanno i ricchi, i popoli si amano. OTTIMO

Ottimo, splendidamente girato e recitato. Spielberg è un genio, Tom Hanks perfetto. OTTIMO

Film bellissimo. Sembra una favola ma accaduta realmente. Ce ne fossero anche da noi questi avvocati “normali” in certi periodi bui del nostro paese specialmente sul confine orientale. OTTIMO

Ottima recitazione, ottima regia; difficile credere che ai giorni nostri integrità e correttezza professionale al servizio dei poteri forti possano prevalere sugli interessi nazionali che possono richiedere il sacrificio di vite umane innocenti o comunque senza responsabilità dirette. OTTIMO

Attuale per il tema: sicurezza vs diritti. OTTIMO

locandina-into-paradiso

Demenziale. PESSIMO

Divertente, ironico e ambientato in una Napoli surreale. Vengono affrontate tante, forse troppe, problematiche comuni a tutta Italia. BUONO

Oltre che divertente anche profondo. Ho trovato un ritmo godibile serrato con diversi generi all’interno. Un’ottima opera prima. Non facile nell’affrontare il tema del disagio e di Napoli usando leggerezza e profondità. OTTIMO

Molto suggestivo bene raccontato e divertente. OTTIMO

 Un film senza né capo né coda. PESSIMO

 Demenziale! PESSIMO

Il film ambientato al sud più divertente di quanti hanno popolato i cinema recentemente. Saper e riuscire a far ridere nelle tragedie di un paese, il nostro, è un grande valore. Grande regista! A maggior ragione per la scarsità di mezzi. OTTIMO

Incomprensibile, inconcludente; non parla di Napoli, non parla di interculturalità, è pieno di luoghi comuni, legittima la mafia e non fa ridere. E’ il film più brutto che il Cineforum abbia mai presentato. PESSIMO

 Si tratta di un’opera prima dalla direzione molto discutibile, un tentativo di usare un linguaggio apparentemente innovativo, in realtà fondato sui luoghi comuni. SCARSO

Finalmente  una commedia intelligente. Molto rara. Molto bravi coloro che con poco hanno saputo rendere la vita molto problematica della città di Napoli.   MOLTO BUONO

Film simpatico, interessante nel suo aspetto onirico surreale. Forse un limite è proprio la pretesa di voler presentare troppi aspetti, troppe problematiche che rischiano di rimanere superficiali nel loro essere trattate. DISCRETO

La regista porta un suo libero punto di vista artistico. Ognuno che dia una visione di questa città può essere biasimato perché difficilmente coglierà le mille sfaccettature. La regista sceglie la strada dell’onirico surreale quasi grottesco non per nascondere od omettere ma per lasciare spazio a chi voglia di coglierne quello che sta fra le righe. Degrado sociale, criminalità sistematica fanno sicuramente parte di una città come Napoli e c’è poco da scherzare, ma la libertà di sognare non va tolta. E’ anche questo il compito del cinema. MOLTO BUONO

Commedia garbata anche se con una storia un po’ fragile. DISCRETO

Ha ben rappresentato, in modo allegro, la triste realtà concludendo anche con la morale della favola. MOLTO BUONO

 Presentazione divertente e leggera di problemi reali e pesanti. MOLTO BUONO

 

ROOM WEB

Prima parte veramente claustrofobica. Colpisce come la madre ha “educato” il figlio durante la prigionia. BUONO

Una bella storia trattata con delicatezza. Poco evidenziata la difficoltà di reinserimento nella vita reale dei due protagonisti.  Giustamente proposta l’invadenza di stampa e TV che con il pretesto del diritto/dovere di informazione usano un tipo di violenza forse grave come quella fisica subita. Film femminista: il padre è un farabutto, il nonno si rifiuta di instaurare un buon rapporto, il poliziotto non risolve il problema dell’indagine/ricerca. Forse anche il cagnolino è femmina. MOLTO BUONO

Molto sensibile e profondo. MOLTO BUONO

Estremamente crudo. MOLTO BUONO

Il film, in alcuni passaggi ad alto contenuto emozionale, racconta con toni contenuti una vicenda drammatica con risvolti ben più complessi e gravi. La coppia di attori madre e figlio  sono molto affiatati ed il risultato è una metafora sulla rinascita ma probabilmente anche sulla libertà che va assaporata un po’ alla volta. MOLTOBUONO

Film molto bello in cui si intrecciano vari aspetti su cui riflettere. La storia è terribile. MOLTO BUONO

Film scioccante, ma purtroppo queste cose succedono veramente. I mostri vivono ancora. OTTIMO

web

Devo dire che per me il film è diventato scorrevole solo nel finale quando lui ha raggiunto la ragazza in ospedale portando i fiori del ballo. SCARSO

Non l’ho trovato per niente divertente. DISCRETO

Film che all’inizio pare cretino ma poi diventa poetico. Belle le riprese dall’alto o dal basso e il montaggio così rapido. DISCRETO

Ragazzo succube della madre, immaturo che non accetta la morte;  la nega. Ma dopo la morte è come se fosse maturato improvvisamente. DISCRETO

Per poterlo commentare sarebbe necessario vederlo più di una volta. BUONO

Una bella lezione di vita per molti giovani; molto belle le scene e i colori. BUONO

Pur nella drammaticità, il film è ironico: pieno di buoni sentimenti. Può essere molto utile farlo vedere ai giovani. BUONO

PS: Per me va bene vedere la presentazione di nuovi film

Riesce a trattare un argomento complesso in modo delicato e con la giusta ironia. MOLTO BUONO

Momento di crescita personale. Divertente, ma terribilmente serio. MOLTO BUONO

Apparentemente scontato, il film riesce a raccontare con delicatezza un’amicizia autentica che cresce progressivamente e resta oltre la morte. MOLTO BUONO

Bello e commovente con la problematica della morte. MOLTO BUONO

Fresco e spontaneo espressione di un’età giovanile dove i due protagonisti rivelano la loro bontà essenziale nascosta nell’ animo. Attraverso l’esperienza della morte si valorizza la vita nello sviluppo della sua peculiare umanità. Anche nelle tecniche espressive geniali messaggi di speranza nel futuro dell’umanità. OTTIMO

Film unico e geniale, aiuta ad entrare, vivere  e contaminarsi in un mondo giovanile. Attori giovani bravissimi. L’attesa della morte può aiutare a vivere. OTTIMO

Uno dei film più belli visti al Cineforum. OTTIMO

Film fuori dai canoni, a tratti irriverente che tralascia le maschere di circostanza, seppur necessarie, per usare un linguaggio schietto e diretto. MOLTO BUONO

 

WEB

Bei sentimenti, generosità; speriamo che la realtà sia così! BUONO

Il finale solleva un film a tratti un po’ noioso e non tanto stimolante. Ma almeno la morale di fondo è buona come l’animo dei protagonisti. BUONO

Buon film realizzato con pochi mezzi economici. BUONO

Recitazione molto spontanea incentrata sui sentimenti sinceri  bene espressi. Montaggio che denuncia qualche carenza probabilmente dovuta alla mancanza di nomi importanti del “grande cinema” e dei finanziamenti conseguenti. MOLTO BUONO

Mi ha colpito la spontaneità dei protagonisti, nonostante tutto. Film realizzato con un costo veramente misero che fa riflettere sulla situazione attuale. OTTIMO

Forse il film dal punto di vista cinematografico non è impeccabile con un montaggio spezzettato (volutamente?) ma sicuramente gradevole e con interpretazioni ricche di spontaneità. Il messaggio che ne rimane, seppur semplificato, è positivo e tutto sommato induce a speranza. MOLTO BUONO